COVID-19: Tempo di consegna3 in Italia 3-6 giorni lavorativi

800.000 clienti attivi

Mountain bike e attrezzature downhill & enduro per le migliori acrobazie su due ruote

Accelera, scegli la linea, salta e atterra com un razzo per domare l'adrenalina della prossima curva. Nelle discipline veloci della mountain bike Gravity come il downhill, l'enduro e il freeride MTB, il flow e le emozioni sui sentieri trail sono la combinazione vincente. Scegli la migliore attrezzatura nel nostro negozio Gravity online, e scopri la vasta selezione di componenti durevoli, mountain bike a sospensione, abbigliamento, caschi, protezioni e altri accessori MTB.

Continua a leggere

POC

POC Joint VPD 2.0 Long Knee Guard - 1002 Uranium Black
Immagine prodotto da POC Joint VPD 2.0 Long Knee Guard - 1002 Uranium Black

127,12 €*

Endura

Endura MT500 Burner Short II - forest green
Immagine prodotto da Endura MT500 Burner Short II - forest green

82,01 €*

TSG

TSG Drop Rain DH Pants - black
Immagine prodotto da TSG Drop Rain DH Pants - black

107,64 €*

Ride Concepts

Ride Concepts Transition Clip Scarpe MTB Uomo - Charcoal/Grey
Immagine prodotto da Ride Concepts Transition Clip Scarpe MTB Uomo - Charcoal/Grey

153,77 €*

FOX Racing

FOX Proframe Matte Fullface Helmet - black
Immagine prodotto da FOX Proframe Matte Fullface Helmet - black

199,91 €*

FOX Racing

FOX Dropframe Pro Trail Casco - nero
Immagine prodotto da FOX Dropframe Pro Trail Casco - nero

146,59 €*

Troy Lee Designs

Troy Lee Designs D3 Fiberlite Casco - Mono Black
Immagine prodotto da Troy Lee Designs D3 Fiberlite Casco - Mono Black

243,99 €*

Troy Lee Designs

Troy Lee Designs D4 Carbon MIPS Casco - Stealth Black/Silver
Immagine prodotto da Troy Lee Designs D4 Carbon MIPS Casco - Stealth Black/Silver

522,85 €*

DMT

DMT KM3 MTB Shoes - black/black
Immagine prodotto da DMT KM3 MTB Shoes - black/black

207,08 €*

FOX Factory

FOX SLS Super Light Molla per Ammortizzatore DHX2 / Van RC - Lunghezza di Montaggio 205/216/230mm
Immagine prodotto da FOX SLS Super Light Molla per Ammortizzatore DHX2 / Van RC - Lunghezza di Montaggio 205/216/230mm

174,28 €*

iXS

iXS Trigger Fullface Helmet - white
Immagine prodotto da iXS Trigger Fullface Helmet - white

177,35 €*

DMT

DMT MH1 MTB Shoes - black/white
Immagine prodotto da DMT MH1 MTB Shoes - black/white

262,44 €*

O'Neal

O'Neal Transition Full Face Helmet - SOLID black
Immagine prodotto da O'Neal Transition Full Face Helmet - SOLID black

145,57 €*

Leatt

Leatt DBX 1.0 DH Full Face Helmet - black
Immagine prodotto da Leatt DBX 1.0 DH Full Face Helmet - black

82,01 €*

DXC

DXC DP/ONE Reggisella Telescopico - Ø 31.6 mm - Escursione 170 mm
Immagine prodotto da DXC DP/ONE Reggisella Telescopico - Ø 31.6 mm - Escursione 170 mm

112,76 €*

Leatt

Leatt DBX 4.0 Enduro Full Face Helmet - chilli
Immagine prodotto da Leatt DBX 4.0 Enduro Full Face Helmet - chilli

231,69 €*

CHROMAG

CHROMAG Overture Saddle - black
Immagine prodotto da CHROMAG Overture Saddle - black

61,50 €*

Amplifi

Amplifi ETrack 23L Zaino Protettivo - nero
Immagine prodotto da Amplifi ETrack 23L Zaino Protettivo - nero

164,02 €*

iXS

iXS Trigger Fullface Helmet - black
Immagine prodotto da iXS Trigger Fullface Helmet - black

177,35 €*

Troy Lee Designs

Troy Lee Designs A3 MIPS Helmet - Uno Black
Immagine prodotto da Troy Lee Designs A3 MIPS Helmet - Uno Black

218,36 €*

iXS

iXS Xult DH Helmet - black
Immagine prodotto da iXS Xult DH Helmet - black

242,96 €*

Troy Lee Designs

Troy Lee Designs A3 MIPS Casco - pump for peace red
Immagine prodotto da Troy Lee Designs A3 MIPS Casco - pump for peace red

218,36 €*

Alpina

Alpina Rootage Helmet - black-neon-yellow
Immagine prodotto da Alpina Rootage Helmet - black-neon-yellow

119,94 €*

Leatt

Leatt MTB Gravity 1.0 Helmet - onyx
Immagine prodotto da Leatt MTB Gravity 1.0 Helmet - onyx

82,01 €*

Alpina

Alpina Rootage Evo Helmet - black matt
Immagine prodotto da Alpina Rootage Evo Helmet - black matt

110,71 €*

100%

100% Aircraft 2 Casco - Nero/Bianco
Immagine prodotto da 100% Aircraft 2 Casco - Nero/Bianco

429,56 €*

FOX Racing

FOX Dropframe Pro Trail Casco - Camo - grey camo
Immagine prodotto da FOX Dropframe Pro Trail Casco - Camo - grey camo

153,77 €*

DMT

DMT KM1 Scarpe MTB - grigio/nero/arancione
Immagine prodotto da DMT KM1 Scarpe MTB - grigio/nero/arancione

315,75 €*

Kind Shock

KS RAGE-i 31.6 Remote Dropper Seatpost - 535mm I Reach: 190mm
Immagine prodotto da KS RAGE-i 31.6 Remote Dropper Seatpost - 535mm I Reach: 190mm

143,52 €*

Alpina

Alpina Rootage Helmet - dirt-blue matt
Immagine prodotto da Alpina Rootage Helmet - dirt-blue matt

116,86 €*

MTB gravity e le discipline speciali

Tra gli appassionati di mountain bike e ciclismo, sono frequenti termini come MTB gravity o parkride. Ma cosa celano questi termini e quali requisiti impongono queste discipline per la mountain bike e la futura attrezzatura da MTB?  
Di seguito, rispondiamo a queste e altre domande a proposito di enduro e downhill. 
Per gravity mountain bike, si intende la pedalata su percorsi sterrati in forte discesa e costellati di ostacoli, nei quali superare la gravità e “decollare”. 
In linea di massima, il gravity con MTB comprende le seguenti discipline: enduro, downhill, freeride, park, 4X e dual. Queste discipline implicano requisiti particolari per l’attrezzatura. Nel negozio gravity con MTB di BIKE24, puoi trovare tutto il necessario per soddisfarli. 
Desideriamo approfondire due discipline e tipologie di percorso molto amate.

Enduro vs downhill

L’enduro è una variante del gravity con MTB sempre più diffusa negli ultimi anni. Ciò dipende anche dalla molteplicità di mountain bike e attrezzature assolutamente necessarie per i veri percorsi per enduro. Un percorso per enduro è un insieme di grintosi tratti in salita e ripidi tratti in discesa, costellati di salti e altri ostacoli. Inoltre, il percorso è complicato da pietre o interrotto e cosparso di radici. Pertanto, i ciclisti che praticano gravity enduro devono possedere una tecnica sofisticata, essere in buone condizioni e contraddistinguersi per il proprio coraggio eroico.

A definire lo standard in termini di abilità ciclistiche è il downhill, la disciplina gravity con MTB più difficile. I percorsi presentano una pendenza costantemente elevata e, inoltre, sono costellati di ostacoli artificiali, quali salti molto alti, cosiddetti gap, road gap, table, ardue curve adiacenti, massi, punte di radici e altro. Ciclista e materiale devono essere in grado di tollerare carichi estremi, pertanto sono caldamente consigliati una bici da downhill e attrezzatura protettiva, come un casco integrale e protezioni.

Com’è costruita una MTB da enduro?

Infografica della bici da enduro

In presenza di percorsi ardui con gravità elevata, la bici da enduro deve essere dotata di una certa tenuta. Di norma, le stabili mountain bike realizzate in alluminio o carbonio ultraleggero sono biammortizzate e presentano una corsa della sospensione anteriore da 150 a 170 mm e posteriore fino a 170 mm (la corsa della sospensione utile dipende dal sistema posteriore). 
La forza di propulsione necessaria è spesso conferita da trasmissioni 1 x 11/12 con larghezza dei pignoni particolarmente elevata, che consentono al ciclista di raggiungere la cima con la propria forza. Un’ulteriore caratteristica sono i reggisella dropper regolabili in altezza, particolarmente amati. Consentono una pedalata piacevole e, al contempo, spazio per le gambe sufficiente per il downhill. 
Da cos’altro dipende la discesa? Naturalmente, da stopper potenti: molte bici gravity da enduro utilizzano freni a disco a quattro pistoni in combinazione con un diametro dei dischi del freno di 200 mm davanti e 180 mm dietro.  
Per consentire una trasmissione ottimale dell’accelerazione e dell’azione frenante e persino l’esecuzione di salti alti, le bici da enduro sono dotate di ruote ampie e stabili da 27,5” (650B) o 29”. 
Queste ruotano su copertoni voluminosi dotati di un profilo chiodato adeguato e di carcassa rinforzata. 
Nonostante queste caratteristiche prestazionali impressionanti, le MTB da enduro presentano spesso un peso relativamente ridotto di circa 14 kg. Pertanto, offrono una buona pedalata in salita, risultano agili in piano e, durante la discesa in montagna a contatto con il terreno, presentano prestazioni simili a quelle di una bici da downhill o freeride.

Come si riconosce una MTB da downhill?

Infografica della bici da downhill

Le mountain bike moderne sono incredibili, proprio come le manovre e le velocità durante il downhill. 
Telaio e struttura risultano particolarmente stabili per salti alti e lunghi o massi duri. Analizzando i dati geometrici, in particolare la sella inclinata e l’angolo di sterzo piatto, emerge rapidamente come queste bici gravity biammortizzate siano interamente concepite per discese ad alta velocità. 
Inoltre, il percorso è costellato di curve adiacenti, wallride e salti estremi. Per dominare le forze risultanti, è necessario ogni millimetro della corsa della sospensione. La ruota anteriore è quasi sempre dotata di una corsa fino a 200 mm, mentre quella posteriore di almeno 190 mm. Tuttavia, l’elevazione posteriore dipende notevolmente dalla combinazione di ammortizzatore e cinematica del carro posteriore del telaio. 
In presenza di una pendenza media del 20%, ad esempio sul percorso downhill di Leogang, è possibile rinunciare con sicurezza a una trasmissione elevata. La maggior parte dei cambi 1 x 7/10 è dotata di pignoni a rapporti stretti e incentrata sulla durevolezza. 
Per consentire un rallentamento affidabile anche per le discipline gravity più estreme, le bici da downhill sono dotate di freni a disco a quattro pistoni particolarmente grintosi e di dischi del freno da almeno 200 mm. Sulle moderne mountain bike da downhill, la forza e l’accelerazione vengono trasmesse con ruote da 27,5” o 29” estremamente stabili, realizzate in alluminio o carbonio. Vengono spesso montati copertoni dal profilo marcato, dotati di carcasse appositamente rinforzate per conferire stabilità e durevolezza. 
Le bici gravity da downhill consentono velocità elevate su percorsi tecnicamente ardui, nonché ampi salti con airtime notevole. A causa della trasmissione ridotta e del peso spesso superiore a 16 kg, una salita in montagna risulta solo limitatamente possibile.

Bici elettriche da enduro e downhill: addio alla seggiovia

Chi non lo sa? Con enorme fatica, si percorre il tratto in salita in sella alla MTB da enduro e si pensa: “Adesso scendo”. Solo pochi istanti più tardi, la fatica appartiene al passato grazie alla scarica di adrenalina e al flow. Oppure, durante una calda giornata estiva, la coda per la seggiovia del bike park si snoda già fino al parcheggio: ciò significa spesso tornare a casa. Come cambierebbero le cose con una MTB in grado di procedere in salita e in discesa quasi su ogni terreno con la stessa facilità di una moto da motocross molto leggera? Le e-bike da enduro e downhill sono in grado di offrire proprio queste prestazioni. Non è tutto: risultano comunque adatte praticamente a tutte le età per tutto l’anno, rendendo così possibile pedalare in un bike park anche in inverno 😉. Le e-bike da enduro e downhill rendono (nuovamente) allettanti impegnative escursioni in montagna e percorsi freeride soprattutto per ciclisti tecnicamente esperti, ma non in perfetta forma. In generale, le e-bike da enduro riscuotono sempre più successo, in quanto sono dotate di riserve sufficienti per la maggior parte degli stili ciclistici e offrono il supporto di un motore elettrico anche per percorsi piuttosto lunghi in qualsiasi luogo. Naturalmente, tutti i modelli sono full suspension con carro posteriore del telaio ammortizzato. Un effetto collaterale positivo del peso complessivo elevato (pari o superiore a 20 kg): grazie all’aumento della massa ammortizzata e alla geometria ad angoli ridotti, queste bici elettriche risultano particolarmente salde nel downhill e fluide sul trail. Il ciclista potrà così concentrarsi maggiormente sulla guida, con le mani saldamente sul manubrio e sui freni. Attualmente, tutte le MTB elettriche di alta qualità si basano universalmente sul concetto del motore centrale, che consente di bilanciare correttamente la bici anche durante la fase di volo. Inoltre, la ruota anteriore non si solleva in modo incontrollabile durante la salita. I motori si distinguono per picchi di potenza fino a 800 watt e offrono un sostegno duraturo di 250 watt.

La pedalata nel gravity bike park

Un bike park offre percorsi artificiali prettamente in discesa che, di norma, prevedono tre livelli di difficoltà: blu (facile), rosso (medio) e nero (difficile). A seconda della propria conformazione, i percorsi vengono spesso assegnati alle seguenti discipline MTB gravity: flowtrail, pumptrack, singletrail, 4X, slopestyle, enduro, freeride o park e downhill. I percorsi, indicati anche con l’inglese line, sono costellati di diversi ostacoli:

Dal flowtrail = pochi ostacoli facili... fino al downhill = molti ostacoli difficili

È quasi sempre possibile aggirare gli ostacoli seguendo le cosiddette “chicken line”, i percorsi alternativi più semplici. 
Un vantaggio particolare dei bike park è la possibilità di transfer all’inizio del percorso tramite seggiovia o navetta. Nella maggior parte dei casi, si parte da una piattaforma iniziale, perfetta per un’accelerazione rapida. Durante il percorso, è spesso possibile effettuare deviazioni. Le sezioni pericolose lungo l’itinerario sono segnalate e dotate di ulteriori misure di sicurezza.

L’attrezzatura per MTB necessaria in un bike park

Secondo la nostra esperienza, una bici da trail full suspension con lunghezza della corsa elevata o una MTB da downhill consentono il massimo divertimento in un bike park e, con una certa pratica, permettono di affrontare qualsiasi percorso. I proprietari di XC e hardtail da trail, al contrario, possono godersi meglio flowtrail, singletrail e pumptrack. Qualora il parco ciclistico prescelto presenti un percorso slopestyle o dirt, occorre un’apposita bici da dirt jump. 
Chi ha già visitato un bike park sa come vanno le cose. Si inizia con il riscaldamento sul flowtrail o pumptrack, per poi procedere con i tratti più difficili e le salite. 
È imprescindibile un casco dotato di buona vestibilità e caratteristiche di sicurezza convincenti.  
Poiché quando si spinge al limite qualcosa può andare storto e il pericolo di lesioni aumenta durante salti e tratti tecnicamente difficili, consigliamo attrezzatura protettiva aggiuntiva, ad esempio paraginocchia e parastinchi, gomitiere, una protezione per la schiena, una maglietta o un gilet protettivo e, per i percorsi più ardui, una protezione per il collo. 
Molti bike park forniscono indicazioni in merito all’attrezzatura protettiva obbligatoria sui propri siti Web. 
I ciclisti che praticano downhill, freeride ed enduro dovrebbero procurarsi un casco integrale. Quest’ultimo offre una protezione aggiuntiva per il mento e risulta ideale in combinazione con goggle protettivi. Ulteriori informazioni sono disponibili qui
Chi frequenta regolarmente i parchi ciclistici dovrebbe disporre anche di calzature da MTB particolarmente robuste. Gli appositi modelli di calzature da gravity risultano rinforzati nell’area delle dita e del tallone e, grazie a suole speciali, offrono una presa maggiore sui pedali flat. Scopri di più 
Per completare l’equipaggiamento della MTB per il bike park, è consigliabile procurarsi anche un piccolo zaino da bici, possibilmente dotato di vescica di idratazione e schienale protettivo integrato. Dovrebbe offrire spazio sufficiente per una giacca antipioggia, un mini kit di utensili, una pompa, una camera d’aria, un kit di riparazione e un paio di barrette energetiche. 
Ciascun tipo di percorso prevede requisiti differenti per la configurazione meccanica. Pertanto, consigliamo vivamente anche l’acquisto di una pompa per ammortizzatori.  
Per impedire che il cockpit perda lucentezza a causa del ponte sollevatore, ad esempio, è possibile utilizzare un nastro per manubrio, una vecchia camera d’aria o simili.

Vedere ed essere visti: magliette e maglie a maniche lunghe alla moda, nonché guanti abbinati, sono tanto importanti sul percorso quanto una bici veloce. La maggior parte delle maglie da gravity offre una vestibilità piuttosto ampia, in modo da garantire spazio sufficiente per le protezioni sotto la maglia a maniche lunghe.

Outfit all’insegna dello stile per chi non può fare a meno dell’adrenalina

Vedere ed essere visti: magliette e maglie a maniche lunghe alla moda, guanti adeguati, un casco sicuro completo di goggle e, naturalmente, calzature resistenti sono tanto importanti sul percorso quanto una bici veloce. Le vere maglie da gravity offrono una vestibilità piuttosto ampia, in modo da garantire spazio sufficiente per le protezioni sotto la maglia a maniche lunghe. Vengono utilizzati soprattutto tessuti ad asciugatura rapida, in quanto l’aria può risultare molto fredda durante il downhill. Al contrario, i ciclisti che si dedicano all’enduro e trascorrono intere giornate in sella esplorando percorsi in salita e in discesa immersi nella natura preferiscono spesso magliette da bici a mezza zip con vestibilità normale o una semplice t-shirt in cotone con fantasie alla moda. Non si utilizzano quasi mai protezioni per la schiena o persino maglie protettive. Per quanto riguarda i pantaloni da enduro e downhill, vale innanzitutto il principio “form follows function” (la forma segue la funzione), dunque i funzionali pantaloni e pantaloncini da MTB presentano una vestibilità ampia nei punti giusti per garantire comfort e libertà di movimento. In questo modo, ad esempio, resta spazio sufficiente a livello delle natiche per un paio di pantaloni interni dotati di seduta imbottita o per indossare senza problemi pantaloni protettivi e paraginocchia. I pantaloni lunghi da MTB si stringono generalmente a livello del polpaccio oppure possono essere indossati anche come pantaloncini. In questo modo, non svolazzano durante la discesa, prevenendo la pericolosa eventualità che restino impigliati. Nel migliore dei casi, nulla esercita pressione o attrito sul trail e tutto resta asciutto all’interno e all’esterno, a prescindere dalle condizioni meteorologiche. Ciò è possibile grazie al tessuto funzionale elastico (ad esempio, dotato di membrana contro l’umidità e il vento), a sistemi di ventilazione, ad esempio inserti in rete o mesh, polsini elastici e cuciture piatte o sfalsate. Per un’ulteriore durevolezza, l’area di seduta e l’interno coscia sono spesso rinforzati.

Anche in presenza di temperature più elevate, i ciclisti downhill indossano spesso pantaloni da MTB lunghi, che presentano un taglio più aderente sui polpacci. In questo modo, si riduce innanzitutto la quantità di abrasioni in caso di contatto indesiderato con il terreno sui limiti e la resistenza dell’aria non aumenta inutilmente. I ciclisti enduro indossano i bermuda anche in caso di clima più caldo: così, ginocchia e cosce risultano più protetti dal sole, ma anche da superfici ruvide quali le pareti rocciose. Nell’ambito dell’abbigliamento protettivo, anche i guanti lunghi rivestono un ruolo importante. Già i modelli più sottili offrono protezione dai graffi provocati da piccoli rami e aumentano contemporaneamente la presa sul manubrio e sulla leva del freno. Tuttavia, chi vuole davvero fare sul serio dovrebbe prediligere guanti da MTB dotati di un ulteriore rinforzo in plastica sul dorso della mano. Prevengono spesso anche le lesioni peggiori provocate da rami e pietre appuntite in caso di urto.

Caschi, occhiali e scarpe da MTB particolarmente resistenti

Per completare l’outfit da gravity perfetto, sono necessari un casco dotato di buona vestibilità e occhiali e calzature resistenti. Per quanto riguarda la protezione della testa, è disponibile una vasta gamma di opzioni per i ciclisti che praticano l’enduro. In caso di percorsi e condizioni piuttosto moderati (ad esempio, curve strette, rampe piatte, pietre di dimensioni pari alla testa di un gatto), molti ciclisti indossano un casco open-face che copre la nuca e i lati della testa, ma risulta comunque ben ventilato. Sul lato anteriore, i caschi sono dotati di una visiera più lunga e ribaltabile. A seconda dei propri gusti, i ciclisti che si dedicano all’enduro indossano anche occhiali full-frame o goggle alla moda. I goggle per MTB da gravity sono speciali occhiali monolente che forniscono una protezione ottimale da polvere, sporco, umidità e colpi d’aria. Inoltre, consentono una pulizia migliore e possono essere abbinati anche a una visiera a strappo (tear-off) per le corse. In caso di terreno più duro o percorsi downhill ricchi di salti in un bike park, più pericolosi, un casco integrale rappresenta probabilmente la soluzione migliore. Questo accessorio offre un’ottima protezione completa, ma risulta meno adatto alle escursioni a causa dell’assenza di aperture di ventilazione. Per chi ama entrambe le attività, un casco integrale modulare può rappresentare il compromesso ideale. Prima dei tratti flow o per i transfer, è sufficiente riporre la mentoniera nello zaino da bici, per poi montarla nuovamente sul caso quando la difficoltà aumenta. In ogni caso, chi pedala su terreni scoscesi con un casco integrale dovrebbe abbinarlo a un paio di goggle da MTB. Insieme, il casco e i goggle forniscono una protezione ottimale per il viso. Poiché i goggle si collegano al casco mediante le cinghie, è più semplice metterli e toglierli. In caso di pioggia e umidità, il viso e gli occhi risultano protetti da quantità di fango eccessive.

Alla grande: proprio come le bici, l’abbigliamento e l’attrezzatura protettiva da enduro e downhill devono essere più robusti e anche le scarpe per MTB da gravity devono offrire maggiori durevolezza e protezione. A tal fine, è possibile utilizzare le scarpe a metà caviglia o, per una maggiore sicurezza, alla caviglia. La suola esterna deve essere adatta a una superficie di contatto particolarmente ampia tra i pedali flat o a sgancio rapido con una gabbia di grandi dimensioni. Tra i modelli disponibili per enduro e downhill, questa caratteristica è conferita prevalentemente da uno strato in gomma adeguato con profilo chiodato negativo o non sdrucciolevole. Le suole delle scarpe per pedali a sgancio rapido sono generalmente dotate di un’apposita guida nell’area della piastra del pedale per agevolare la salita e la discesa dalla bici nonostante il collegamento a prova di bomba. I bordi anteriori e posteriori della suola devono essere smussati per una maggiore comodità durante l’andatura. Ancora più sopra, in una buona scarpa da gravity, l’area del tallone e delle dita risulta rinforzata per garantire protezione. Nel migliore dei casi, il metatarso è sostenuto da una linguetta ampia e imbottita. Le scarpe presentano prevalentemente una chiusura a strappo, che le fissa ulteriormente al metatarso o alla caviglia. Tuttavia, una scarpa da MTB adatta deve essere adeguata all’andatura su terreni duri anche all’interno. A tal fine, vengono utilizzati sistemi sofisticati per l’intersuola che attutiscono gli urti e, al contempo, conferiscono rigidità alla scarpa.

Componenti per MTB per macinare la strada con ancora più forza

Nei casi estremi, per salti ad altezza umana e persino superiore, tutti i componenti delle MTB da enduro e downhill devono risultare particolarmente robusti. Eppure, per molti ciclisti, il fascino di una MTB da gravity risiede proprio nell’estetica compatta e massiccia. Anche i freni devono fornire potenza estrema e massima resistenza. Ciò comporta un peso maggiore. In questo caso, i ciclisti in perfetta forma che praticano enduro stringono i denti e affrontano le salite montuose o, in caso di emergenza, percorrono qualche metro a piedi. Tuttavia, la situazione può diventare snervante sui percorsi più lunghi. Si inizia a pensare: “Chi me lo fa fare? Scendo e risalgo con la seggiovia!” Certo, in discesa il peso della bici non è così importante grazie alla forza di gravità. La domanda, però, è la seguente: com’è ripartita la massa e quanto funziona bene il telaio?

Telaio: forcella e ammortizzatore

Gli upgrade del telaio risultano interessanti per enduro e downhill al fine di molleggiare e ammortizzare meglio la maggior parte della massa, ossia la massa ammortizzata. A tale scopo, è possibile regolare più precisamente le forcelle e gli ammortizzatori di alta qualità. La maggior parte offre, ad esempio, un livello di pressione High Speed e Low Speed nonché un livello di trazione (comportamento di flessione e deflessione rapida e lunga) regolabili separatamente, ma anche componenti ammortizzanti e sospensioni a scarso attrito. I componenti dei telai per MTB da enduro di alta gamma sono dotati prevalentemente di impostazioni del livello di pressione e della piattaforma per ogni pedale per ridurre le perdite di energia durante lunghe salite e transfer. A seconda della sospensione, l’elemento di sospensione utilizzato può essere l’aria per un peso ridotto e una regolazione rapida o molle in acciaio per massima durevolezza e una sensazione di ammortizzazione estremamente lineare. Le forcelle a doppio ponte, lo standard per le bici da downhill, sono disponibili anche con corsa della sospensione ridotta (da 170 a 180 mm) per un ciclismo enduro aggressivo, offrendo un’alternativa resistente per i percorsi ricchi di salti più ampi. Tuttavia, è possibile migliorare anche il carro posteriore del telaio con un nuovo ammortizzatore. Un moderno ammortizzatore pneumatico da enduro e downhill risulta sempre relativamente leggero rispetto alle controparti in acciaio e offre diverse possibilità di regolazione esterna per le modifiche on-trail. Non è tutto: i veri esperti sono in grado di ottimizzare anche la configurazione interna. Parola d’ordine: shim stack. Se, a dispetto del terreno duro, si predilige una variante particolarmente durevole e che richieda meno manutenzione, occorre scegliere un ammortizzatore con sospensione in acciaio.  Con molle leggere progressive, tuttavia, è possibile ottenere un effetto positivo durante i salti anche con un ammortizzatore a molla. A seconda dello stile della pedalata e del peso del ciclista, è consigliabile un modello di ammortizzatore con piggy-back (con serbatoio di compensazione a olio), in modo che l’olio possa scorrere rapidamente e senza schiuma (surriscaldamento) nel circuito di ammortizzazione.

Ruote estremamente stabili

Come per tutte le MTB, anche per le bici da downhill ed enduro la massa rotante delle ruote è importante. È possibile ridurla ulteriormente con l’alluminio e, in particolare, con le ruote con cerchi in carbonio. Per quanto riguarda le dimensioni delle ruote, si sono affermate quelle da 27,5”, ma anche quelle da 29”, a seconda di telaio e forcella, altezza del ciclista e percorsi. Consentono un’area di contatto dei copertoni più ampia, maggiore trazione e, tuttavia, un migliore comportamento di roll over. Il carbonio non è più una rarità per i cerchi anche nel gravity, ma anche l’alluminio rappresenta una base solida. La larghezza del bordo dei cerchi si attesta su 30 mm circa. Le ruote sono per la maggior parte dotate di mozzi a flange più alte per l’ottimizzazione dell’angolo del raggio e della rigidità laterale e di 32 raggi standard davanti e dietro. Inoltre, è importante che le nuove ruote siano adatte alla bici. Le forcelle e i telai delle MTB da enduro attualmente disponibili sono generalmente compatibili con raggi anteriori da 15 x 110 e raggi posteriori da 12 x 148 mm. Sulle bici da downhill le dimensioni corrispondono a 20 x 110 mm/12 x 148 mm Boost o 20 x 110 mm Boost e 12 x 157 mm. Le ruote sono Tubeless Ready. Cos’altro serve per le soluzioni tubeless? I copertoni adatti.

I copertoni per MTB downhill ed enduro

Questi copertoni, rispetto ad altre discipline da MTB, sono naturalmente più ampi (fino a 2,6”) e dotati di profili chiodati notevolmente marcati. Oltre a diverse dimensioni, sono disponibili anche varianti speciali, ad esempio per terreni duri con quantità elevate di pietrisco o fango e umidità. Sulle MTB da gravity, si utilizzano solitamente copertoni differenti, 
ad esempio un modello più leggero davanti, ottimizzato per la presa in curva e tratti off-chamber e con profilo medio per migliorare la forza frenante sul terreno. Come controparte posteriore, sui cerchi è possibile utilizzare, ad esempio, un copertone ruotante più leggero con maggiore protezione da foratura e pizzicatura. Gli esperti, inoltre, si avvalgono anche di cutter per chiodi per creare profili completamente unici. Per quanto riguarda la versione, la gamma è molto ampia. All’inizio, si trovano versioni tubeless pieghevoli e relativamente leggere con minore protezione antiforatura e delle pareti laterali e, alla fine, si trovano pneumatici cablati estremamente stabili, ma anche pesanti, con pareti laterali notevolmente rinforzate. Poiché anche i copertoni devono essere ammortizzati e, in caso di pressione ridotta, non offrono più una protezione antiforatura sufficiente a dispetto di tutti gli accorgimenti, spesso sono necessari inserti o sistemi di ventilazione a più camere contro le forature.

Freni potenti

Nonostante tutti gli accorgimenti per garantire una struttura leggera, una moderna bici da downhill con telaio principale in carbonio pesa circa 16 kg. Questa è la massa che, insieme a quella del ciclista, occorre rallentare prima delle curve spesso strette o persino dei tornanti. Se i freni risultano troppo deboli, è necessario verificare se i dischi del freno davanti e dietro presentano dimensioni di almeno 200 mm. Se la potenza frenante non risulta comunque sufficiente, è possibile impiegare, come ultima ancora di salvataggio, dischi da 220 mm. Lo standard per le bici da downhill sono i freni a disco a quattro pistoni, mentre per l’enduro vengono in parte impiegati impianti frenanti a soli due pistoni. Con l’upgrade a quattro pistoni, è possibile incrementare ulteriormente la potenza frenante. Anche un impianto frenante completamente nuovo, tuttavia, può risultare interessante, in quanto grazie alla lavorazione in alluminio e alle pastiglie dei freni ottimizzate, nella maggior parte dei casi è possibile ottenere una migliore dissipazione del calore e, quindi, maggiore resistenza. Gli impianti frenanti di alta qualità, inoltre, offrono ancora più possibilità di montaggio per la leva del freno.

La centrale di controllo delle bici da enduro e downhill

Per concludere in bellezza, dedichiamoci all’ottimizzazione del cockpit. I moderni attacchi del manubrio in alluminio fresato risultano più leggeri e possono essere montati con un collegamento più corto e rigido sugli ampi manubri. Spesso, i nuovi modelli offrono anche un rinforzo del manubrio più ampio nelle varianti Direct Mount e, sempre più spesso, si serrano su un diametro di 35 mm per una stabilità ancora maggiore. Insieme ai manubri “flessibili” di larghezza fino a 800 mm, si produce così una stabilità elevata senza che ciò comporti più rigidità: il risultato è un comfort maggiore per le articolazioni. Gli spessori ottimizzati delle pareti dei tubi consentono maggiori stabilità e flessibilità. La realizzazione delle pareti dei tubi risulta persino migliore con il carbonio rispetto all’alluminio, grazie all’allineamento delle fibre.