Più di 800 marche
Resi facili e gratuiti
Spedizione gratuita a partire da € 1006

Campagnolo – Componenti di alta gamma per biciclette da corsa per prestazioni assolute

«Campagnolo rappresenta non solo la ricerca della perfezione tecnica, ma anche la passione, la fatica, l'agonia, il mito, il passato, il presente e il futuro del ciclismo, lo sport più bello del mondo.» Non c'è modo migliore per descrivere l'azienda tradizionale che con le parole del proprietario Valentino Campagnolo. I componenti Campagnolo sono caratterizzati dalla combinazione dell'estetica e del design italiano con una funzionalità e la qualità senza compromessi.

Continua a leggere

Più di 85 anni di storia aziendale e ciclistica – innovazione, qualità, emozione

Immergersi nella storia di un marchio di biciclette difficilmente è così accattivante e così indissolubilmente legato a importanti pietre miliari nello sviluppo della storia della bicicletta come nel caso della fucina italiana di componenti premium Campagnolo. Quando Campagnolo fu fondata nel 1933 dal ciclista italiano Tullio Campagnolo, la storia degli ingranaggi delle biciclette era ancora agli inizi. A quel tempo, era ancora comune allentare i dadi ad alette sulla ruota posteriore per cambiare le marce, girarla e mettere la catena sul pignone dall'altra parte. Fu proprio questa procedura a condannare Tullio Campagnolo in una gara di ciclismo sul Passo Croce d'Aune, che non riuscì ad allentare i dadi con le sue dita ghiacciate. Solo tre anni dopo, registrò il suo brevetto per il primo sgancio rapido per un cambio di marcia più veloce, che viene utilizzato ancora oggi sulle bici moderne. La competizione e la corsa agli armamenti per sviluppare un cambio funzionante che permettesse di cambiare marcia senza smontare era enorme all'epoca. Molti sistemi furono messi sul mercato, ma nel 1940 Campagnolo riuscì ancora una volta a sviluppare il primo cambio per bicicletta, il cambio a leveraggi, che si dimostrò nell'uso quotidiano – e fu usato anche in gare di alto profilo come il Tour de France o il Giro d'Italia. Già nel 1949, Campagnolo fu in grado di presentare i primi prototipi di un deragliatore a parallelogramma girevole, che è ancora oggi la base dei moderni deragliatori posteriori. È azionato da due cavi posti sul tubo obliquo. Questo sistema rivoluzionario è pronto per la produzione in serie solo due anni dopo con il Gran Sport 1012, che nella sua versione rivista può essere azionato con un solo cavo. Questo fu ulteriormente ottimizzato e culminò nella nascita del primo cambio Record nel 1962, seguito dal primo cambio Super Record nel 1973 – entrambi sono ancora oggi i gruppi di punta di Campagnolo.

Pure Performance – Tradizione, Tecnologia, Sviluppo, Design

La storia di Campagnolo, il suo stretto legame e la sua passione per il ciclismo da corsa hanno plasmato l'immagine del marchio. Grazie a innumerevoli innovazioni, qualità e funzionalità eccezionali, il produttore di componenti si è assicurato un posto meritato nel segmento premium e high-end. Campagnolo si distingue anche dalle altre marche per la sua preferenza italiana per un design eccezionale e un linguaggio delle forme elegante. Tuttavia, gli italiani si concentrano sulla sicurezza dei componenti, seguita dalle loro prestazioni - indipendentemente dal fatto che si tratti della ruota, degli ingranaggi, del freno o delle pedivelle, dei movimenti centrali, delle catene e delle cassette. I prodotti, i loro materiali e le loro dimensioni sono sviluppati con la massima cura, attenzione e precisione, e il pacchetto è completato da un sofisticato livello di ergonomia, efficienza e aerodinamica.
Piena di autostima italiana, Campagnolo ha presentato i suoi freni a disco idraulici Campagnolo per bici da strada nel 2018 con le parole «Possiamo essere gli ultimi, ma siamo anche i migliori!». Le cose buone arrivano a coloro che aspettano. Questo è anche supportato dal fatto che gli italiani hanno portato a bordo gli esperti tedeschi di freni a disco Magura per il loro freno a disco. E poiché Campagnolo non fa le cose a metà, le leve del cambio/freno idrauliche Ergopower sono particolarmente impressionanti: Nonostante tutta la tecnologia e l'idraulica nelle piccole leve, sono sorprendentemente sottili – il design italiano è anche qui una priorità, proprio come la perfetta ergonomia per cui Campagnolo è sempre stata conosciuta.
Ultimo in freni a disco, ma primo in 12 velocità! Campagnolo ha difeso il suo ruolo pionieristico nel 2018 con il lancio dei gruppi di punta Super Record e Record come trasmissioni a 12 velocità. I salti sbilanciati tra i singoli pignoni dovrebbero ora essere finalmente una cosa del passato su qualsiasi terreno.
Con il gruppo Campagnolo Ekar, Campa non solo presenterà il suo primo gruppo di componenti specifici per la gravel (ghiaia) nel 2020, ma introdurrà anche il primo sistema di trasmissione a 13 velocità del marchio. Gli italiani stanno anche lanciando un'esclusiva collezione di abbigliamento gravel composta da maglie per uomini e donne, pantaloncini e calzini da ciclismo.

Campagnolo Super Record & Record

Campagnolo Super Record è l'ammiraglia non-plus-ultra tra i gruppi Campagnolo – un gruppo sintonizzato senza compromessi della classe superiore assoluta utilizzando carbonio e titanio. Questa è già l'unica differenza con la «sorella minore», il Record, che fa a meno di questa eccessiva messa a punto, ma non differisce in alcun modo dal Super Record in termini di tecnologia e funzionalità. Come primi gruppi sul mercato con una trasmissione a 12 velocità, i due gruppi di fascia alta segnano una nuova era nel ciclismo da corsa – cambi di marcia super lisci, sia in piano che in salita – quasi come un cambio senza gradini. Campagnolo fornisce anche la versione EPS (Electronic Power Shift) del Super Record come sistema di cambio elettronico che può essere perfettamente adattato ai desideri individuali del ciclista utilizzando una app appositamente sviluppata.

Campagnolo Ekar – con 13 pignoni alla gravel Olympus

Cassetta a 13 velocità, pignone a 9 velocità, nessun deragliatore, estremamente leggero e completamente meccanico: il nuovo gruppo Campagnolo Gravel stabilisce nuovi standard in termini di gradazione, funzione e idoneità alla corsa. Che si tratti di ripidi tornanti o di veloci discese su ghiaia, grazie alla gamma enormemente ampia – oltre il 450% con il pignone 9-42 – il primo sistema di trasmissione a 13 velocità degli italiani è ideale per ogni avventura su gravel. Naturalmente, l'innovativo gruppo Campagnolo Ekar 1x13-speed Gravel si basa ancora sulle collaudate tecnologie Campagnolo delle serie da strada di alta gamma: Leve freno/cambio Ergopower, freni a disco idraulici e assali Ultra Torque. Queste caratteristiche sono completate da soluzioni adatte all'uso off-road, come il movimento centrale Campagnolo con sistema di tenuta ProTech.

Campagnolo Ekar 1x13 Gruppo Gravel

Campagnolo Chorus

Caratteristiche di fascia alta ad un eccellente rapporto prezzo/prestazioni. Il gruppo Chorus di fascia media offre la tecnologia e la funzionalità dei gruppi top Super Record e Record con materiali leggermente più semplici. Questo lo rende un prodotto versatile ma di alta qualità con un appeal speciale per il vasto pubblico di ciclisti amatoriali e hobbisti. Tecnologicamente aggiornato, Campagnolo presenta ora anche il Chorus come gruppo a 12 velocità.

Campagnolo Potenza & Centaur

I gruppi Potenza e Centaur dimostrano che la qualità non deve necessariamente costare molto. Con le stesse funzioni, la comprovata ergonomia Campagnolo, l'affidabilità e il design inimitabile, entrambi i gruppi sono una soluzione accessibile per chiunque voglia entrare nel mondo del ciclismo da corsa.
La particolarità dei gruppi Potenza e Centaur: Per tutti gli amanti delle bici classiche e del vintage chic che sono anche devotamente alla ricerca di componenti in argento per il loro nostalgico telaio in acciaio, la pedivella, i cambi, il deragliatore anteriore, il cambio e i freni dei due gruppi sono disponibili anche in finitura argento lucido! Tecnologicamente aggiornato, ma con un tocco di retrò.

Ruote Campagnolo – sinonimo di qualità, prestazioni ed estetica

Nel 1986 Campagnolo lancia la Ghibli, la prima ruota a disco per le corse a cronometro, e poco dopo la Shamal, la prima ruota a sistema con cerchi ad alto profilo. Come per i componenti del cambio, l'attenzione dei set di ruote è chiaramente sulla qualità e le prestazioni. I ciclisti appassionati troveranno nel portafoglio Campagnolo soluzioni per un'efficienza e un'estetica eccezionali. Le ruote sono disponibili in versioni per freni a cerchio e per freni a disco e con profilo alto, medio e basso.
Le ruote in carbonio Campagnolo della famiglia Bora sono il punto di riferimento per le ruote da strada ad alte prestazioni assolute. In termini di peso, scorrevolezza, rigidità e aerodinamica, niente può batterli. L'ultimo salto evolutivo di Campa è il set di ruote Campagnolo Bora Ultra WTO per freni a disco. Frutto di un processo di progettazione all'avanguardia presso la sede Campa di Vicenza, queste ruote offrono prestazioni, bellezza ed estetica alla perfezione.
Ma anche le ruote in alluminio Campagnolo non hanno nulla da invidiare ai modelli in carbonio. Che si tratti di allenamento o di gare di resistenza, dalla nobile Shamal classica alle affidabili Zonda e Calima, le ruote Campagnolo in alluminio garantiscono la massima prestazione e affidabilità.

Campagnolo Shamal Carbon – Campa goes Endurance

Campagnolo rompe ancora una volta gli schemi con le nuove ruote Shamal Allround in carbonio. Con la riprogettazione del classico, Campagnolo questa volta persegue l'obiettivo di generare il massimo comfort e agilità di guida - non importa dove e quanto a lungo si pedala. A questo scopo, gli italiani hanno dato al nuovo Shamal un profilo del cerchio con una larghezza interna di 21 mm, che lo rende adatto a pneumatici più larghi. Grazie al sistema brevettato MoMag, il canale del cerchio non ha fori, il che fa risparmiare peso, aumenta la rigidità e rende molto più facile l'uso di pneumatici tubeless. Il profilo unidirezionale del cerchio in carbonio High Modulus e l'altezza differenziata del profilo garantiscono una trasmissione ottimale della potenza e la migliore agilità possibile. Il risultato: le prime ruote Campagnolo specificamente progettate per l'uso endurance, per lunghi tour senza fine con il massimo delle prestazioni e un comfort eccezionale.