Saldi estivi fino al -50% – Vai alle offerte!
Più di 800 marche
30 giorni di reso gratuito

Perché una mountain bike elettrica è la tua bici ideale!

Per anni i biker si sono divisi in due fazioni: MTB tradizionale, o muscolare, E-MTB elettrica. Modelli di e-mountain bike sempre più evoluti, con una spinta che arriva fino a 500 Watt di potenza e maggiore autonomia, hanno fatto propendere la bilancia per le MTB elettriche. Scopri come le E-MTB elettriche hanno semplificato la MTB Enduro e come solcare i trail sia molto più semplice e divertente con una bici elettrica MTB! Continua a leggere

Ordina per Preferenza

Caratteristiche principali di una MTB elettrica

Per distinguere i modelli di bici elettrica mountain bike più moderni o performanti da quelli più datati o economici, basta guardare dove si trova il motore. L’immagine del motore piazzato esternamente come un corpo estraneo appartiene sostanzialmente al passato, adesso si trova presso la zona del movimento centrale, in un vano apposito integrato nel design delle biciclette.

Tutti i modelli disponibili su BIKE24 offrono un sistema di trazione talmente ben integrato da far dubitare, a prima vista, che le mountain bikes in questione siano biciclette elettriche. 
L'angolo di sterzo aperto e il tubo superiore decisamente inclinato, geometria indicata anche con il termine “sloping”, contraddistinguono nettamente queste biciclette da quelle tradizionali e dalle e-bike da trekking o dalle city bikes. L’inclinazione del tubo verticale porta a una posizione in sella leggermente più verticale rispetto alle mountain bike senza motore. Con questo assetto si riesce a scaricare a terra tutta la potenza disponibile, anche in salita. 
Un’altra variabile da considerare, specie per capire se il mezzo in questione sia adatto a terreni più o meno sconnessi, è il tipo di copertoni montati. Le MTB elettriche sono prevalentemente dotate di copertoni molto tassellati, in genere recanti sul fianco la dicitura “e-bike”. C’è poi un altro aspetto, meno visibile: le carcasse dei copertoni sono ulteriormente rinforzate.

Quasi tutte le e-bike sono adeguatamente ammortizzate, in parte per via del maggior peso, in parte per le velocità più elevate in discesa e il carico più pesante. Le MTB elettriche hardtail hanno un’escursione della forcella maggiore rispetto a quanto avviene nelle altre e-bike, ad esempio nelle bici elettriche da trekking o city bikes. Facile capire anche il perché le MTB elettriche sono in maggioranza e-MTB biammortizzate, ossia dotate addirittura di sospensioni e ammortizzatori anteriori e posteriori. 
La batteria è generalmente integrata nel tubo obliquo del telaio. 
Complessivamente, possiamo dirlo con certezza: la MTB elettrica racchiude tutte le caratteristiche migliori di una mountain bike moderna.

Per quale tipo di biker una bici MTB elettrica è la soluzione ideale?

Da quando la mountain bike è nata in California alla fine degli anni settanta, i biker, specie i più ambiziosi, hanno dovuto fare i conti con ostacoli a volte insormontabili. 

Spesso la partenza dei trail più divertente è in cima a uno sperduto cucuzzolo senza seggiovia né navetta per raggiungerlo, in altri casi il tragitto per arrivare sul posto è estremamente faticoso.

Con le mountain bike elettriche moderne questi problemi sono ormai un ricordo. Le mountain bike elettriche riescono a coniugare la versatilità della MTB, ossia la capacità di affrontare i terreni più diversi, con il comodo supplemento di potenza offerto da un motore elettrico. Questo le rende un mezzo particolarmente indicato per le persone sportivamente ambiziose, ma che devono far fronte al poco tempo a disposizione per gli allenamenti, oppure per chi si avvicina per la prima volta alla MTB, o alla bicicletta come attività sportiva in generale. Con la MTB elettrica, l’ambito d’azione di qualsiasi ciclista si amplia fino a includere tratti dalle pendenze impossibili.

Nei singletrack, con la MTB elettrica avrai un’occasione di divertimento imperdibile. E allo stesso tempo potrai affinare i fondamentali di guida. Diventerà normale conquistare la vetta senza né fiatone né gambe in fiamme, specie dopo che avrai imparato a gestire l'autonomia della batteria.

Nei tratti in discesa, le MTB elettriche offrono l'opportunità di concentrarsi sulla guida, senza che la mente sia appannata dalla fatica della salita. Una nota, anche se la MTB elettrica ti permette di andare praticamente ovunque, si devono sempre tenere in considerazione i propri limiti e quelli dell'ambiente circostante. La parola d'ordine nello sport è gradualità, anche in sella a una E-MTB. Indipendentemente dalle caratteristiche della bici, è consigliabile trovare e prendere confidenza con l’assetto ideale, anche grazie ad accessori compatibili con la tua MTB elettrica, come per esempio una pompa per ammortizzatori.

Struttura del motore delle MTB elettriche

II motore centrale si è ormai affermato come lo standard sulle E-MTB, e per buone ragioni. Si tratta di un sistema che riunisce un buon controllo della forza esercitata, un cablaggio esteticamente gradevole, una migliore distribuzione della massa nonostante il peso maggiore grazie al baricentro basso. 

Per favorire una sensazione di pedalata il più naturale possibile, il biker si ritrova la forza del motore centrale... tra i piedi, letteralmente. Grazie al contapedalate e a sofisticati sensori che misurano la velocità e le prestazioni in generale, questo tipo di motori per e-bike è pienamente al servizio del biker e della sua forza. Non si ha sensazione di “tiro” dalla ruota davanti, o di spinta o pressione dalla ruota dietro, che invece troviamo rispettivamente nei motori al mozzo anteriore o posteriore. Tra l’altro, questo sistema di trazione per MTB elettriche consente un risparmio di energia. Visto che le MTB elettriche spesso si trovano ad affrontare tratti in salita molto ripidi e curve strette, il software del motore è progettato per dare un contributo di spinta che sia flessibile in base alle variabili condizioni del terreno.  
Inoltre, essendo anche nelle MTB elettriche il grip alla ruota anteriore un fattore decisivo per la corretta condotta in curva, nelle curve più strette il motore centrale si rivela una soluzione vantaggiosa. È pressoché impossibile, dalla posizione inclinata, scivolare e cadere a causa di un picco di coppia, del momento torcente, sulla ruota anteriore o posteriore. 

Conosci la differenza tra momento torcente, potenza nominale e rendimento massimo in una MTB elettrica?

In poche parole il momento torcente, che si misura in Nm (Newton per metro), definisce la forza con la quale può avvenire l’accelerazione. Con un momento torcente di valore elevato, anche una MTB elettrica particolarmente pesante può raggiungere in breve tempo una velocità notevole.

La potenza, valore espresso in Watt, definisce quanto sia oneroso mantenere una determinata velocità raggiunta. Il dato indicato dal produttore per la potenza nominale continua descrive la potenza effettiva media che il motore elettrico riesce a produrre in 30 minuti di tempo senza surriscaldarsi. Di fatto, le moderne mountain bike elettriche con motore centrale possono arrivare, in presenza di un numero di giri particolarmente alto, e comunque per periodi limitati, a un picco di potenza oltre gli 800 Watt.  In sella si apprezzerà sicuramente un motore di simile potenza. Per conciliare al meglio la prestazione del motore con quella di chi pedala, il rapporto ideale è quello che permette di ottenere una cadenza di almeno 70 RPM (pedalate al minuto). Tale frequenza di pedalata consente di sfruttare al meglio il motore, oltre a ottenere benefici per chi sta in sella, in termini di sviluppo della forza, e in termini biomeccanici e fisiologici. Anche le ginocchia ringrazieranno!

I vantaggi del motore centrale su una MTB elettrica

Con il motore centrale, e con la batteria integrata in modo ormai sempre più armonioso, la MTB elettrica si presenta senza quell’effetto antiestetico dato da cablaggi vistosi. Questa soluzione oltre alle implicazioni estetiche, comporta anche un minore rischio di guasti. Anche con un livello d'integrazione sempre più alto, le aziende produttrici di e-bike garantiscono una trasmissione sia durevole che di facile utilizzo. Ciò significa che la sostituzione del motore e della batteria può avvenire direttamente per mano del ciclista stesso. Un’ulteriore comodità è data dallo spazio per le borracce, che possono essere fissate nella loro posizione tradizionale, ossia sul tubo obliquo.

Grazie al motore centrale è possibile affrontare senza problemi uscite con salite ripide e impegnative e allo stesso tempo con i divertenti salti e i drop tipici del downhill. La massa principale del motore e della batteria si trova a un’altezza così bassa che la distribuzione della massa totale è molto simile a quella di una normale mountain bike. Nelle rampe si evita l’effetto della ruota anteriore che “scappa”, mentre in discesa, anche nei tratti più ripidi e nei salti, il controllo della bici rimane saldo. 
Alla luce di questi vantaggi, è normale che tutte le MTB elettriche disponibili su BIKE24 siano equipaggiate di motore centrale.

Molte aziende utilizzano motori di produttori terzi come Bosch o Shimano; esistono però anche aziende che sviluppano autonomamente l'intera bici, ad esempio Specialized e Giant
Prima dell’acquisto, per fare un raffronto tra i vari sistemi di trazione per e-MTB, ti consigliamo di consultare la seguente lista di controllo:

  • Il motore è ben integrato nel telaio? È fissato direttamente o tramite un vano apposito? → Nel primo caso il peso totale si riduce, mentre aumenta l’altezza da terra del movimento centrale.
  • Quantità di livelli di prestazione o di spinta → Di quanti livelli ritengo di avere bisogno? Quanto mi sento in forma, al momento?
  • Oltre alla portata massima, è opportuno verificare la portata per ciascun livello di spinta → Ho bisogno di un apporto di potenza a livello sempre costante? L’energia del motore viene trasformata efficacemente in forza motrice?
  • A quanto ammonta il momento torcente massimo? → Solitamente il dato comunicato dal produttore riguarda la potenza nominale, o di lunga durata. Tuttavia, il dato più significativo, e utilizzabile per confronti, è la forza di accelerazione trasmessa dal perno del movimento centrale.
  • La forza viene trasmessa internamente all’albero motore tramite una ruota dentata in plastica o metallo, oppure tramite una cinghia? → Questa differenza ha effetti sui rumori e sulle vibrazioni.
  • Il motore ha un carter in magnesio? → Ulteriore risparmio in termini di peso.
  • Il motore ha una ruota libera interna? → In questo caso il motore viene disaccoppiato dall’albero motore in caso di velocità superiore ai 25 km/h, e il risultato è un’esperienza di guida più naturale, specie in discesa.

MTB elettriche biammortizzate: sospensioni davanti e dietro

Nel mondo del ciclismo, quando si parla di una full, si intende una bici interamente ammortizzata, su entrambe le ruote. Per la ruota anteriore troviamo una forcella ammortizzata, sul carro posteriore un sistema articolato con ammortizzatore. Il vantaggio di questo sistema è che le ruote, in caso di urti e dislivelli, possono muoversi in maniera quasi del tutto autonoma dal telaio e dal biker. Oltre a ciò, le forze risultanti dall’urto con l’ostacolo non vengono trasmesse in misura 1:1 nè sulla bici, né sul biker. Anzi, nello scenario ideale, vengono ammortizzate completamente grazie al continuo contatto con il suolo. Questo concetto di meccanica tipico della mountain bike è applicabile a maggior ragione alla MTB elettrica, per via della maggiore massa da ammortizzare, costituita dall’insieme di telaio, motore, batteria e comandi. Paradossalmente, i componenti meccanici della bici, grazie alla particolare distribuzione della massa (più sostegni, più ammortizzazione), funzionano ancora meglio rispetto a quanto accada nelle full prive di motore, decisamente più leggere. Grazie a queste proprietà, complice anche un angolo di sterzo generalmente aperto, le MTB elettriche  ammortizzate hanno una tenuta particolarmente salda anche nel trail e nel downhill, a patto che la sospensione abbia una corsa sufficiente. Il ciclista potrà così concentrarsi maggiormente sulla guida, con le mani salde sul manubrio e sui freni. Va detto, però, che ogni rosa ha le sue spine: le MTB elettriche bi-ammortizzate hanno in genere un prezzo di accesso molto superiore in confronto alle hardtail, oltreché un maggiore rischio di guasti.

MTB elettrica hardtail: leggera e accessibile

Rispetto alle full, le MTB elettriche hardtail hanno un carro posteriore del telaio completamente rigido e la sola forcella ammortizzata, da qui l'altro nome con cui sono conosciute "front". Il montaggio, più essenziale, contribuisce a contenere il prezzo e fa sì che le MTB elettriche di tipo hardtail siano, a parità dimontaggio e materiale del telaio, più leggere delle full. Un altro vantaggio è dato dalla versatilità e praticità. Con la ruota posteriore libera dall’ingombro di una sospensione, le E-MTB hardtail sono anche delle pratiche bici da tutti i giorni: un mezzo agile nei contesti urbani, in campagna, e, se necessario, in alcuni tratti fuoristrada non estremi.

Quando invece i terreni si fanno più montuosi, con passaggi downhill particolarmente ripidi, con la presenza di rocce, radici, salti, drop e altre insidie, le meccaniche della bici hardtail rischiano di essere messe un po’ troppo a dura prova. Le sospensioni infatti hanno una corsa limitata (in genere non supera i 120 mm), e la massa non ammortizzata è sensibilmente più alta. La presenza di ostacoli, o di ondulazioni del suolo, comporta lo sprigionamento di forze notevoli che dalla ruota posteriore, in questo caso non ammortizzata, vengono trasmesse sul telaio e anche sul biker. Nei casi più critici, la MTB elettrica front vibra fino a divenire incontrollabile. A quel punto gli avambracci si ritrovano talmente induriti, da far passare la voglia di cimentarsi ancora con un trail.

Equipaggiamento e accessori speciali per MTB elettriche

Passiamo ora all'attrezzatura per bici elettrica più indicata a seconda della tipologia di terreno sulla quale ti lancerai in una nuova avventura.

Componenti per e-bike per tutti i tipi di terreno

Le MTB elettriche disponibili su BIKE24 per il livello principiante sono strutturalmente solide e adatte per prestazioni di alto livello sui trail più impegnativi. Inoltre, offrono varie possibilità di upgrade con accessori e componenti, siano essi meccanici, elettrici, o semplici pezzi di ricambio. Le MTB elettriche, tra l’altro, conservando tutte le caratteristiche delle MTB tradizionali, offrono le stesse possibilità di messa a punto (“tuning”).

Quanto ai freni, si paga inevitabilmente dazio in termini di peso, che nel mezzo elettrico è inevitabilmente superiore. Per una maggiore potenza frenante e stabilità suggeriamo, per esempio, di montare dischi di diametro 203 mm. In alternativa, è possibile combinare il disco di grosse dimensioni con un potente freno a quattro pistoni sulla ruota anteriore, per una maggiore modulabilità e capacità di frenata. Alcune aziende producono modelli speciali, che incorporano nelle leve dei freni un comando che interrompe l’alimentazione del motore.

Là dove il peso complessivo del sistema in movimento (bici+biker+bagaglio) superi i 100 kg e si prevede di raggiungere velocità elevate, crescono anche le prestazioni richieste alle ruote che devono essere stabili e rigide, oltreché affidabili e durevoli. Chi cerca un set di ruote robuste, dotate di raggi spessi e numerosi, rimarrà sorpreso dai dati prestazionali delle ruote da MTB elettrica. Queste ruote sono talmente solide e al contempo leggere, ai livelli delle mountain bike tradizionali, da guadagnarsi la denominazione di “modelli tuttofare”.

Per quel che riguarda le sospensioni, ossia forcelle e ammortizzatori, è consigliabile, una volta identificato un assetto, effettuare un collaudo. Questa prova consiste in un controllo della pressione (nel caso di sospensioni ad aria) eseguito tramite una pompa per ammortizzatori, con eventuale intervento correttivo. Solitamente le aziende produttrici forniscono tabelle indicanti i livelli di pressione ottimale, anche con specifico riferimento alle MTB elettriche. Se il risultato non è soddisfacente e la meccanica della bici rimane eccessivamente rigida, una soluzione potrebbe arrivare dagli appositi adattatori per sospensioni.

Per chi desidera una forcella più rigida, o un ammortizzatore con una ulteriore varietà di possibili assetti, sono disponibili modelli specifici per le mountain bike elettriche.

Un altro argomento importante, per qualsiasi categoria di e-bike, è quello dei copertoni. Gli pneumatici infatti, per via del peso nettamente superiore e della notevole accelerazione, sono un componente soggetto a forte usura. A questo proposito, peraltro, è possibile ridurre di qualche grammo il peso della e-MTB, rapidamente e senza costi eccessivi, montando copertoni pieghevoli al posto di quelli rigidi di serie. I copertoni disponibili sul mercato dei ricambi recano in genere diciture apposite quali E-25, E-50, E-MTB, EMC o E-Ready. Per una e-MTB o s-pedelec che raggiunge velocità entro i 45 km/h, i copertoni devono recare necessariamente la dicitura ECE-R75. In questo modo le uscite in bici saranno all’insegna della sicurezza, anche in caso di controlli.

Gli pneumatici tassellati per mountain bike elettriche, generalmente più robusti rispetto agli altri, presentano una carcassa ancora più stabile, fianchi resistenti, e un’elevata protezione antiforatura sul battistrada.

La larghezza dell’impianto di trasmissione e il peso dei singoli componenti del cambio, con un gruppo nuovo, possono essere ridotti; ma vale anche per le E-MTB? Sì, perché la gran parte delle mountain bike elettriche è dotata di un normale cambio a deragliatore. Alcuni produttori, però, offrono componenti della trasmissione specifici per le E-MTB, come cassette a minor numero di rapporti, deragliatori robusti e leve del cambio che variano un solo rapporto per scatto. Questa soluzione è pensata per prevenire guasti alla catena dovuti alla notevole sollecitazione del cambio, specialmente nei tratti in salita.

Suggerimento di BIKE24: per un utilizzo ideale della bici e per rendere efficiente lo sforzo del biker e la trazione del motore, è consigliabile utilizzare tutta la gamma di rapporti e mantenere una frequenza di pedalata di almeno 70 RPM. 
Come nelle bici normali, anche nelle bici a pedalata assistita da fuoristrada, un’ulteriore occasione per alleggerire la bici risiede nella pedivella. I bracci delle pedivelle in alluminio (o in carbonio, ancora più leggeri), cavi all’interno, sono disponibili per diversi tipi di movimento centrale. È necessario però, per garantire la compatibilità, verificare lo standard del movimento centrale e delle pedivelle. 

Per concludere in bellezza, spendiamo due parole per i componenti della zona manubrio e sella. Come nelle mountain bike tradizionali, l’assetto ideale dal punto di vista del peso si ottiene con componenti leggeri in alluminio o in carbonio. 
Con un manubrio o un reggisella in carbonio e una sella leggera, uniti a un adeguato morsetto sella e a un attacco manubrio in alluminio, si realizza un risparmio di peso considerevole. Se poi si scelgono componenti dall’aspetto particolare, si ottiene l’effetto di una bici inconfondibile dalle altre. Nella scelta dei componenti leggeri, è importante tenere in considerazione le indicazioni di peso fornite dal produttore in relazione alle e-bike.

ATTENZIONE: In caso di articoli soggetti a immatricolazione in ambito di MTB elettriche, i produttori che sostituiscono parti della bici (quali freni, pneumatici, telaio o componenti meccanici) con pezzi non omologati rischiano il ritiro della licenza. Per qualsiasi richiesta, si consiglia di contattare il produttore della e-MTB in questione.

Tutto ciò che serve per la trazione di una mountain bike elettrica

Anche dopo l'acquisto, l’equipaggiamento di una e-bike può essere sempre migliorato. Uno degli optional più interessanti è la batteria aggiuntiva, anche denominata “range extender”, la cui autonomia, in condizioni di utilizzo normali, raggiunge in 40 km. Su BIKE24 sono disponibili svariate batterie compatibili con le e-bike e i vari possibili assetti.

Molte batterie aggiuntive o di scorta oggi in uso sono anche sostituibili ai modelli più vecchi, e offrono una maggiore densità energetica a parità di dimensioni e forma. Come un mattone nello zaino: poiché una batteria in più comporta anche un peso in più e una necessità di spazio ulteriore nel bagaglio, i produttori di MTB elettriche propongono alcune soluzioni di trasporto interessanti. Una di queste è data dai range extender più leggeri ed ergonomici, non più grandi di una borraccia. Ovviamente si dovranno accettare dei compromessi in fatto di capacità della batteria. Per raddoppiare (o in alcuni casi aumentare ulteriormente) l’autonomia della MTB elettrica, la soluzione ideale consiste nell’acquistare un mezzo a doppia batteria (“dual”). Le e-MTB di questo tipo sono dotate, oltre alla batteria integrata al telaio e relativamente discreta, di un apposito vano destinato alla seconda batteria. Il collegamento con il sistema avviene tramite presa di corrente. Di solito il sistema di trazione della e-bike attinge per prima dalla batteria aggiuntiva. L’autonomia dichiarata nel display (o sulla batteria stessa) è tarata sulla capacità della seconda batteria, e non sulla combinazione delle due.

Quali sono le altre variabili da cui dipende l’autonomia di una eMTB?

Sono indubbiamente molte, ma cerchiamo di schematizzarle:

  • Dall’utilizzo della spinta del motore, dal livello richiesto alla stessa, e dal picco di potenza raggiunto
  • Dalla tipologia di terreno affrontata
  • Dal peso del biker e del sistema complessivo
  • Dalla velocità tenuta, e dalla percentuale di guida a motore al di sotto dei 25 km/h
  • Dalla temperatura
  • Dal numero di arresti e ripartenze
  • Dalla potenza di pedalata del biker 

Se si prevede, già prima dell’acquisto, di fare uscite o viaggi anche di diversi giorni senza, o ridotta, possibilità di ricarica, si consiglia di scegliere una batteria adeguata. A chi pedala ogni giorno o quasi, o alle famiglie che hanno diverse e-MTB dalle caratteristiche simili, suggeriamo l’acquisto di un caricabatterie compatibile a ricarica rapida.

Come in tutti i sistemi elettronici moderni, anche nel caso della e-MTB è fondamentale l’interazione tra la bici e il biker, e le informazioni fornite da quest’ultimo. Questa interazione si ottiene tramite i display del ciclocomputer, o unità centrale, in combinazione con un regolatore dei livelli di velocità. Se i display più semplici riportano informazioni strettamente legate alla guida, come la velocità e l’autonomia residua, i ciclocomputer più evoluti hanno una varietà di funzioni molto maggiore. Oltre a una vasta connettività con sensori per l’attività sportiva, le e-bike attuali offrono la possibilità di comando tramite app, consentendo così di regolare la forza di trazione tramite lo smartphone, un po’ come accade per le automobili. La regolazione dell'assistenza di pedalata può anche comprendere la scelta del livello di spinta, del picco di potenza, della sensibilità di accelerazione e della cosiddetta modalità Shuttle Mode. Inoltre, in caso di problemi è possibile attivare un programma di diagnosi e ottenere, tra le altre cose, mentre si guida la bici, in presenza di connessione Internet, aggiornamenti per le app o per il firmware, oppure notifiche push, o ancora si può condividere lo stato sui social network.

L’equipaggiamento ottimale per una mountain bike elettrica

Ogni disciplina ciclistica, dalla strada, al trekking, passando per un uso city della bici, ha i suoi peculiari prodotti per il giusto equipaggiamento. Non sorprende, pertanto, che esistano accessori specifici per le MTB elettriche. Cominciamo dall’aspetto più importante: la protezione del biker. A velocità più elevate e a spazi di frenata più dilatati consegue, in caso di urti, lo sprigionarsi di forze più grandi sulla testa e sul corpo. I caschi appositi per la MTB elettrica prevedono, oltre ad alcune funzionalità aggiuntive come la visiera allungata verso il basso, anche una struttura rinforzata della calotta.
Esistono anche zaini speciali per il trail con e-MTB, molto funzionali. Questi modelli dispongono, oltre ai vani aggiuntivi per le borracce, di una tasca interna per il trasporto attutito di una batteria di riserva (range extender) e di un display.

Visto che il prezzo base di una mountain bike elettrica parte da 2.000 €, ti consigliamo un accessorio molto utile, visto l’alto valore della bici, ossia un lucchetto antifurto. Alcuni lucchetti, specie quelli di alta gamma, sono in grado di fermare qualsiasi ladro.

Ma non sono soltanto i malintenzionati ad andare in giro al buio: anche molti appassionati di mountain bike elettrica amano misurarsi con le pedalate notturne. Si rende quindi necessario, anche per le e-MTB, un sistema d'illuminazione adeguato. La buona notizia è che le luci frontali, e anche posteriori, in caso di utilizzo nel traffico, possono essere applicate alla e-MTB collegandole direttamente al sistema elettrico. Il nostro Servizio clienti BIKE24 risponderà rapidamente e con semplicità alle vostre domande in merito alle soluzioni d'illuminazione per MTB elettriche.

L’elenco dei possibili accessori è molto lungo. Sul nostro sito di BIKE24 potrai facilmente mettere nel carrello componenti e attrezzature specifiche per mountain bike elettriche, tramite il motore di ricerca oppure selezionando la categoria relativa agli accessori e-bike. Anche nelle singole categorie, si trovano facilmente gli accessori specificamente adatti per le e-Bike attraverso i filtri prodotti.

Ed ecco un ultimo consiglio per chi acquista una MTB elettrica con motore centrale: se si prevede di utilizzare la bici nelle condizioni meteorologiche più avverse e sui terreni più proibitivi, è consigliabile dotare il motore di un’apposita protezione. Per molti motori, il produttore propone una corrispondente piastra para motore. Oltre a questa soluzione, si può prendere in considerazione l’acquisto di un’apposita fodera in neoprene che protegga il tuo motore dall’umidità e dalla sporcizia.

 

Guida alla scelta delle migliori mountain bike elettriche

Nel nostro negozio online trovi un elenco delle migliori novità in fatto di MTB elettriche, provenienti da marche di livello top come Cube, Specialized, Cannondale, Focus, Scott, Giant e Santa Cruz. 
Tra le mountain bike proposte, di tipo hardtail o full, tutte equipaggiate con motore centrale, è possibile trovare per ciascuna disciplina, per esempio Trail o Enduro, il tuo mezzo perfetto. Per agevolare la ricerca della bici più adatta alle esigenze di ciascuno, in modo da farti mettere nel carrello del nostro sito la eMTB perfetta per te, noi di BIKE24 abbiamo raggruppato le caratteristiche dei vari modelli in base al telaio e all’equipaggiamento.

Mountain bike elettriche per principianti

  • E-MTB dotate in genere di telaio in alluminio non ammortizzato, forcella e componenti robusti
  • Guida variegata e divertente su trail per principianti, grazie a motori che in molti casi raggiungono i 250 W (potenza nominale)
  • Prezzo a partire da circa 2.000 €
  • Buona autonomia grazie alla batteria con capacità di circa 500 Wh, specie paragonata alla fascia media o alta. Ma per chi vuole di più... → Ci sono i range extender
  • Il telaio e la componentistica sono piuttosto pesanti e solidi; quanto al cambio, i rapporti sono pochi e la rapportatura limitata; le sospensioni sono in genere limitate alla ruota anteriore, con una corsa di 120 mm → Ampi margini di miglioramento after market

Mountain bike elettriche di fascia media

  • Il prezzo delle e-MTB di fascia media su BIKE24 parte da circa 3.500 €
  • Con questa somma ci si aggiudica un vero e proprio gioiellino, si tratti di Trail, Enduro o addirittura Downhill
  • Su questa fascia di prezzo, generalmente la scelta si orienta su una bici full
  • Molti telai sono realizzati in alluminio, una minoranza in carbonio
  • Trasmissione 1x12, con range elevato, con componenti più resistenti agli urti e sospensioni con maggiore corsa
  • Una spinta apprezzabile e adeguata per ogni contesto, grazie al peso complessivo limitato e a un motore di potenza compresa tra 250 e 450 Watt

Mountain bike elettriche di fascia alta

  • Tra le e-MTB di fascia alta prevalgono i telai in carbonio, particolarmente leggeri
  • Solo bici full, per il massimo comfort possibile
  • Componenti meccanici ed elettrici di prima categoria e leggeri
  • Nei modelli top-end, la categoria più alta, dai 10.000 € in su, il carbonio si trova anche sulle ruote e sui componenti
  • Forcelle e ammortizzatori leggeri e performanti
  • Grazie al peso complessivo particolarmente basso, anche con batterie più piccole si può ottenere un’autonomia maggiore e una portata compresa tra 250 e 450 Watt
  • In alternativa, si può optare per batterie più capaci, per godersi la mountain bike per un periodo ancora più lungo
  • Nelle e-MTB più leggere tra i modelli full, si riesce a contenere il peso al di sotto dei 20 kg

Hai scelto un modello e vuoi ordinare? Benissimo. Non resta che individuare la giusta dimensione del telaio.

Per misurare la misura del telaio di una MTB elettrica, è a disposizione la nostra guida alle dimensioni del telaio. Nella pagina dedicata ai prodotti per la bici, sotto al campo relativo al prezzo, è indicato un link. Anche al momento del tuo ordine sul sito è possibile consultare il personale qualificato del nostro Servizio clienti. Basta fare clic sulla scritta “Sì, richiedo il servizio di consulenza gratuita” nella sezione apposita.

Anche chi necessita di assistenza già in una fase precedente all’ordine, il Servizio clienti BIKE24 è sempre a disposizione. 

 

Mountain bike elettriche con finanziamento o leasing

Vuoi scoprire tutti i vantaggi di una MTB elettrica, come mezzo sportivo e/o da città o trekking, ma il pagamento in un’unica soluzione ti risulta troppo oneroso? Non c’è problema: su BIKE24 è possibile acquistare la bici dei sogni anche tramite un finanziamento in comode rate. Con una mountain bike elettrica troverai, a contatto con la natura, la calma e il giusto riposo dalle fatiche quotidiane, ma non solo: l’utilizzo della e-MTB è anche consigliato anche per andare al lavoro tutti i giorni.

Come avviene la consegna della mia mountain bike elettrica?

In fase di premontaggio lo staff della nostra officina deve considerare diversi aspetti. Oltre agli elementi consueti, come il cambio e i freni, i nostri meccanici qualificati verificano anche il funzionamento della trazione elettrica e aggiornano il software. Una volta che il montaggio della e-MTB è completato, ha inizio un giro di prova nel centro logistico.

Se tutto funziona come previsto, la e-MTB, come accade con tutte le altre bici disponibili su BIKE24, viene spedita in un imballaggio speciale, con i pedali smontati e il manubrio girato. La batteria, per ragioni di magazzino, è precaricata e già montata sulla bici.

Con questi accorgimenti, avremo la certezza che il nostro personale della logistica provveda a imballare la tua bici con i metodi previsti, e a consegnarla appena possibile al corriere. Il corriere ti contatterà per prendere appuntamento, in modo da consegnarti il tuo nuovo gioiellino a casa all’orario che preferisci.